Tu sei qui: Home Sussidi Ist. Ass. e Beneficenza

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da servizio7uo1   
Main - Linee di attività

Tipo di intervento:

Concessione sussidi straordinari ad Istituzioni private di assistenza e beneficenza al fine di potenziarne l'attività.
(arredi vari, elettrodomestici, computer, climatizzatori ecc)


Leggi di settore:

L.R. n° 65 del 14.12.1953


 Ufficio Competente:

Servizio:
Servizio 7 U.O.1 - Interventi finanziari straordinari
Dirigente responsabile: Dr.ssa Rosa Caltabellotta
Ubicazione ufficio - piano/stanza: 2° piano - stanza 9
Tel.: 091 7074235
Fax : 091 7074278
Indirizzo e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Personale:

Dipendente: Sig.ra Costanzo Laura  Tel. 091 7074475
e-mail: l.costanzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


FAQ:

D: Cosa devo fare per ottenere un sussidio per l’acquisto di arredi e attrezzature?

R: Per ottenere un sussidio per l’acquisto di arredi e attrezzature occorre presentare una richiesta su apposita carta intestata dell’Ente, a firma del legale rappresentante, corredata da :

-          dettagliata ed ampia relazione sull’esigenza e destinazione del materiale richiesto;

-           N° 3 preventivi, in originale, analitici di spesa, intestati all’ente che richiede il sussidio, rilasciati da ditte diverse e vistati dall’organo competente a dichiarare la congruità o la conformità dei prezzi (ufficio tecnico comunale o camera di Commercio). A seguito dell'entrata in vigore della Legge n. 183/2011, in vigore da gennaio 2012, i preventivi possono pervenire con dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà prodotta dal legale rappresentante della ditta che rilascia gli stessi, allegando copia del documento di identità (art. 47 D.P.R. 28/12/2000 n. 445);

-          Fotocopia Statuto ed atto costitutivo dell’Ente;

-          Documento  di iscrizione al registro del volontariato ai sensi della L.R. 22/94;

-        Fotocopia del cartellino aggiornato di attribuzione del codice fiscale che riporti la denominazione dell’ente  ed il nominativo  del legale rappresentante;

-          Copia di valido documento d’ identità del rappresentante legale, ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000, n° 445.

 

D: Qual’ è l’importo massimo che posso richiedere per il contributo?
R: L’importo massimo da poter chiedere è pari ad € 50,000,00 (cinquantamila/00), ma l’Assessore può concedere fino ad un massimo di 25.000,00 (venticinquemila/00).

D: Qual’ è il temine per la presentazione delle istanze relative alle istituzioni di assistenza e beneficenza?
R: le istanze devono pervenire tramite raccomandata dall’01 gennaio al 28 febbraio di ogni anno. Per tale termine farà fede il timbro postale.

D: Dopo quanto tempo riceverò il sussidio concesso?
R: Dopo la comunicazione da parte dell’Amministrazione del sussidio concesso e compatibilmente con la liquidità di cassa verranno emessi i relativi mandati di pagamento. 


D: Si possono cambiare gli oggetti richiesti?
R: Si, a condizione che il legale rappresentante, nell’apposita relazione allegata all’istanza, specifichi la priorità dei beni richiesti.



D: Quali documenti devo presentare dopo l’avvenuta concessione del sussidio?

R: Entro 60 gg. dalla liquidazione l’Ente dovrà produrre:

 - dettagliata relazione in ordine all’iniziativa svolta;

 - fattura in originale e quietanzata emessa dalla stessa ditta che a suo tempo ha rilasciato il preventivo di spesa, il cui importo dovrà corrispondere all'intero ammontare del preventivo ammesso a finanziamento. La fattura dovrà rispecchiare il preventivo ammesso a finanziamento e i beni acquistati dovranno possedere le caratteristiche tecniche uguali o superiori a quelli dei beni oggetto del preventivo.

- Codice IBAN relativo al c/c bancario o postale intestato all'Ente richiedente il sussidio;

- Copia del documento di identità del legale rappresentante dell'Ente in corso di validità;

 - dichiarazione attestante che l’acquisto di materiale è avvenuto attraverso un confronto delle offerte di più ditte.

 

D: Si può cambiare ditta se questa è fallita?
R:
Sì, previa autorizzazione della Commissione Consultiva, dietro presentazione di richiesta per iscritto, ma la scelta della nuova ditta deve limitarsi esclusivamente ai precedenti preventivi allegati al momento della presentazione dell'stanza.

 

 D: Si può rinunciare al sussidio concesso?

R: Sì, presentando apposita rinuncia per iscritto, che motivi tale scelta.


Provvedimenti:

D.A. n° 4603 del 22.12.2008
pubblicato nella GURS n° 3 del 16.01.2009



Archivio storico:







 

Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Gennaio 2013 12:15